Previsioni Meteo a “POZZO VOLITO”
POZZO VOLITO meteo
Image Alt

Curiosità

Proverbi

PROVERBI SALENTINI

Se è vero che la saggezza di un popolo si legge nei suoi proverbi, qui di seguito ne troverete per tutte le situazioni.!!

VITA QUOTIDIANA

“Nu se tene ‘nu ciciru a ‘mucca”: “Non si tiene un cecio in bocca”. Per indicare una persona che non sa mantenere un segreto.

“Ttacchi e stacchi li tiauli comu oi tie”: “Leghi e sleghi i diavoli come vuoi tu”. Per dire che pieghi gli avvenimenti a tuo vantaggio.

“Ci camina llicca ci stae a ccasa sicca”: “Chi si muove ottiene qualcosa, chi sta in casa rinsecchisce”.

“Ci penza pe llu crai nu’ more mai”: “Chi pensa al domani non muore mai”.

“Oni nasu sta beddhu alla facce soa”: “Ogni naso sta bene alla faccia sua”.

“Te la capu nfitisce lu pesce”: “Dalla testa imputridisce il pesce”.

“Lavare la capu allu ciuccu ne perdi tiempu e lu sapune”: “Lavare la testa all’asino perdi tempo e il sapone”. Per intendere che non ha senso cercare di far cambiare idea ad una persona ostinata.

“Ci moscia gode ci varda scatta”: “Chi mostra gode, chi si limita a guardare si rode”.

“Ci cammina llicca, ci sta a casa sicca”

“Quando lu ciucciu nu mbole cu bive, magari ca fischi”: Quando l’asino (una persona testarda) non vuole fare una cosa (bere), non serve a niente fischiare (insistere!)

“Vattutu, curnutu, e cacciatu de casa”: Mazziato, cornuto e sbattuto fuori di casa”, cioè peggio di così non poteva andare!

“La fija muta la mamma la capisce”: Il cuore di una madre capisce anche la figlia muta, cioè l’amore vero ha un sesto senso tutto suo.

“Lu binchiatu nu cride a lu scinnatu

“Signore provvedi alli Provveduti, ca li sprovveduti su ‘mparati”: Signore aiuta chi ha, perchè chi non ha niente è già abituato!

“Nu te piji se nu se ssomiji”

“Dimmi cu ci vai, ca ‘ncapo all’annu zzoppichi”

“Faci comu lu ciuccio ca porta la paja e poi se la raja”: “Fai come l’asino che prima porta la paglia e poi la mangia”. Si dice di persona che porta un dono e poi lo usa per sé. Come un invitato che porta una bottiglia di vino e poi la beve tutta da solo!

“Quannu è ffrancu ungime tutto”: “Quando è gratis ungimi tutto”. Per dire che se una cosa è gratuita allora dammela anche tutta.
C’è una storiella popolare che narra di un uomo molto avaro in fin di vita che, davanti al prete accorso per dargli l’estrema unzione, proferì questa frase dopo avere scoperto che non doveva pagare nulla!

“Ci cunta simmina, ci sta cittu ccoje”: “Chi parla semina, chi sta zitto raccoglie”.

“Vitimu ce tente te cotula”: “Vediamo quale dente dondola”. Per dire: “vediamo cosa vuolo questo seccatore!”.

METEREOLOGIA

“Febbraru menzu duce e menzu maru”: “Febbraio mezzo dolce e mezzo amaro”.

“A marzu, a San Giuseppe vae lu craulu e vene lu serpe”: “A marzo, di S. Giuseppe parte il corvo e ritorna la serpe”.

“Ci de marzu nu puta la vigna, perde la vindemmia“: “Chi a marzo non pota la vigna perde la vedemmia”.

“La tramontana è ssignura, s’azza tardu e se curca mprima“: “La tramontana è una signora, si alza tardi e cala presto”.

“Quannu u sciroccu ride, cchiu’ fessa ci lu cride”: “Quando lo scirocco mostra il sole, più fesso è chi lo crede”.

“Quannu ‘rria la fica, la cicala se ‘mpica”: “Quando maturano i fichi, le cicale smettono il canto”

CUCINA
“Li guai de la pignata li sape la cucchiara che li vota”

“Lu purpu (o la cucuzza) si cucina nell’acqua sua stessa”

“Quannu la vurpe nu ‘rria all’uva dice che è resta”